ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true);
Home / M5S Cuneo / La forza dell’intuizione: Edward Jenner e il vaccino anti vaiolo

La forza dell’intuizione: Edward Jenner e il vaccino anti vaiolo

La scienza è alla base del mondo in cui viviamo ed oggi ci fa piacere ricordare un uomo che tramite la sua scoperta contribuì a debellare una malattia dalle gravi conseguenze fisiche, il vaiolo. Tra le tante qualità che potevano essere insite in Edward Jenner, il medico inglese che nel Settecento riuscì a concepire l’idea del vaccino contro il vaiolo, pensiamo che siano due quelle che meritino di essere sottolineate, la capacità di osservazione e la forza dell’intuizione .
Nel settecento il vaiolo in Inghilterra era una delle malattie che mietevano più vittime. Il metodo che si usava all’epoca, la variolizzazione, non era efficace e spesso provocava seri danni. C’era però un piccolo gruppo di persone che sembrava non essere colpito in maniera così potente da questa grave malattia, gli allevatori di bovini. Le scoperte scientifiche spesso si basano sull’osservazione del mondo circostante e Jenner non fece eccezione. Proprio dalla grande capacità di osservare, Edward Jenner ebbe l’intuizione che si sarebbe rivelata vincente, il vaccino contro il vaiolo.
E’ difficile nel nostro mondo basarsi solo su intuizioni perché nella nostra società ci sono spesso idee preesistenti che condizionano il nostro modo di pensare. Nella scienza, le grandi innovazioni nascono sovente da intuizioni perché la mente di un bravo scienziato può essere libera, almeno in parte, da preconcetti e sviluppa la creatività che sta alla base delle intuizioni. La scienza non ha dogmi, deve sempre provare quello che emette come teorie ed è questa la sua più grande forza.
Jenner capì che tramite il cow pox, il vaiolo che colpiva i bovini, si poteva arrivare ad attenuare lo small pox, il vaiolo che colpiva l’essere umano, in un modo che sì la malattia colpiva l’uomo ma in una forma attenuata e senza gravi conseguenze. Non ebbe vita facile all’inizio e la sua teoria fu ritenuta troppo rivoluzionaria dalla Royal Society dell’epoca e quindi rifiutata ma il tempo è stato dalla sua parte e dopo pochi anni Jenner raggiunse il successo che meritava.
Grazie al suo lavoro, col tempo il vaiolo è stato debellato e ad oggi risulta praticamente estinto, nel 1978 si verificò l’ultimo caso mortale nel mondo. Non si può mettere in discussione il merito di questa scoperta da parte di Jenner ed è proprio da questo che si può avere un ultimo spunto di riflessione.
Non bisogna aver paura della scienza ma allo stesso tempo ogni persona ha diritto di avere la più completa informazione riguardo alla propria salute. Che sia prendere un farmaco, ricevere la somministrazione di un vaccino, fare un esame medico, è cruciale nel rapporto tra paziente e medico la più accurata informazione possibile perché in questo modo anche il paziente accetterà con miglior animo le cure.

Per il M5S di Cuneo: Lorenzo Pallavicini

Vedi anche

Buon compleanno, Consigliere!

Caro Manuele, scrivo in prima persona e mi prendo non l’onere ma l’onore di interpretare …

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione esclusivamente necessari al suo funzionamento.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.