ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true);
Home / M5S Europa / La Commissione non smentisce: possibile multa salata all’Italia per troppo smog

La Commissione non smentisce: possibile multa salata all’Italia per troppo smog

di Piernicola Pedicini, EFDD – M5S Europa

Ieri, in Commissione Ambiente, si è svolto uno scambio di vedute con il Commissario europeo per l’Ambiente Karmenu Vella. Il Commissario ha dichiarato che, alla fine di aprile, alcuni stati dell’Unione europea verranno deferiti alla Corte di Giustizia in quanto violano i limiti stabiliti per l’inquinamento atmosferico. Abbiamo chiesto quali sono questi Stati e a quanto ammonta la procedura di infrazione che i cittadini si apprestano a pagare. Il Commissario Vella ha evitato di rispondere in modo diretto, si è limitato a ricordare che esiste un utile strumento d’informazione per i cittadini: l’indice sulla qualità dell’aria. Peccato che per l’Italia non esistano informazioni disponibili dal momento che il Partito Democratico, dal 2014, non fornisce i dati.

È molto probabile che saremo deferiti per un miliardo di Euro, una spada di Damocle che incombe sull’Italia e che potrebbe essere il primo provvedimento europeo che dovrà affrontare il nuovo governo. Un altro “regalo” della premiata ditta Gentiloni-Galletti. Il loro cosiddetto piano smog non ha convinto – guarda un po’ – l’Europa. Però non è giusto che a pagare le inettitudini del governo siano ancora una volta i cittadini. Per questo lanciamo un appello alle Istituzioni europee: non multate i cittadini. Loro sono già vittime dell’incapacità dei partiti nel trovare soluzioni concrete per ridurre l’inquinamento in Italia.

Source: M5S Europa

Vedi anche

Più investimenti, più lavoro e mai più austerity: i nostri alleati sono i cittadini

Intervista a Laura Agea, Efdd – Movimento 5 Stelle Europa, pubblicata oggi sul quotidiano La …

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione esclusivamente necessari al suo funzionamento.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.