ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true);
Home / M5S Europa / Embraco, inconcludente gita pre-elettorale di Calenda a Bruxelles: perché non ha tagliato le tasse prima?

Embraco, inconcludente gita pre-elettorale di Calenda a Bruxelles: perché non ha tagliato le tasse prima?

di Laura Agea e Tiziana Beghin, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa.

“Basta fare campagna elettorale sulla pelle dei lavoratori Embraco. Il ministro Calenda a Bruxelles arriva tardi e solo per leccarsi le ferite. In Slovacchia ci sono costi di produzione e costi del lavoro di gran lunga più bassi che in Italia. Perché in questi anni al governo Calenda e il Pd non hanno tagliato le tasse alle imprese? Delocalizzazioni e licenziamenti sono conseguenze dei disastri dei partiti come il Jobs Act che ha massacrato i diritti dei lavoratori senza creare nuova occupazione.

Anche Salvini si dovrebbe vergognare di fare speculazione elettorale: è stato per anni in Europa a riscaldare la sedia e adesso si lamenta che è stato fatto poco, lui che è alleato con Forza Italia che il Jobs Act l’ha voluto e l’ha votato! Finora dai partiti sono arrivate sole promesse e illusioni. Il Movimento 5 Stelle è al fianco dei lavoratori Embraco che stanno vivendo momenti difficilissimi. La cassaintegrazione non è la soluzione definitiva, bisogna investire in nuove investimenti ad alto moltiplicatore occupazionale per creare nuove opportunità di lavoro e nuove professioni.

È giusta la battaglia della deroga agli aiuti di Stato per investire nei settori strategici, ma in questi anni il governo doveva allentare la pressione fiscale e favorire assunzioni a condizioni sostenibili per le imprese e scoraggiare il deprecabile fenomeno della delocalizzazione.

L’impegno del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo è stato quello di difendere i diritti dei lavoratori, come dimostrano le vicende analoghe di AST di Terni, Perugina e Almaviva, e quello di creare politiche fiscali armonizzate per scongiurare il pericolo delle delocalizzazioni. Non ci deve essere concorrenza sleale fra i partner europei. La proposta dal Movimento 5 Stelle di abbassare il costo del lavoro è l’unica strada per non perdere posti di lavoro e attrattività del sistema Paese. Il problema è strutturale e si devono mettere le aziende nelle condizioni di restare e investire in Italia”.
Source: M5S Europa

Vedi anche

Più investimenti, più lavoro e mai più austerity: i nostri alleati sono i cittadini

Intervista a Laura Agea, Efdd – Movimento 5 Stelle Europa, pubblicata oggi sul quotidiano La …

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione esclusivamente necessari al suo funzionamento.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.