Home / M5S Cuneo / Discussione su come rimuovere le barriere architettoniche a Cuneo

Discussione su come rimuovere le barriere architettoniche a Cuneo

I portavoce del M5S in Comune a Cuneo, Manuele Isoardi capogruppo e Silvia Cina, con la loro interpellanza sulle barriere architettoniche ancora presenti nella Città di Cuneo, hanno portato il Consiglio Comunale ad affrontare questo delicato ed attuale argomento nella seduta del 24 luglio. Osservano che il grado di civiltà di una città, di una comunità, si misura da quanta attenzione viene posta verso le fasce più deboli e da quanto impegno l’amministrazione mette nel rendere il proprio territorio accessibile, favorendo il superamento delle barriere architettoniche a tutti i cittadini, in special modo ai diversamente abili. Prendendo spunto da un recente episodio sottolineato dai giornali per cui uno dei più noti negozi della città ha appeso alle vetrine un cartello di scuse per aver dovuto togliere uno scivolo che garantiva l’accesso al negozio anche a chi è diversamente abile a causa della burocrazia, i portavoce hanno chiesto all’Amministrazione di adoperarsi per rendere più semplici e meno onerosi gli adempimenti burocratici previsti per la posa di scivoli d’accesso agli esercizi commerciali e di tutti gli altri interventi volti ad eliminare ogni barriera architettonica, eventualmente concedendo gratuitamente il suolo pubblico come hanno regolamentato già in passato alcune grandi città. L’amministrazione si è detta sensibile alla problematica ed ha auspicato di iniziare già dopo la pausa estiva a ragionare su come intervenire concretamente. Isoardi e Cina chiederanno di dettare delle prescrizioni semplici e standardizzate a cui la cittadinanza possa attenersi in merito alle pratiche da presentare, alle misure ed ai materiali da impiegare per eliminare tutte le barriere presenti. Il Consiglio si è poi concluso nella stessa nottata perché è stata ritirata la parte relativa alla designazione dei membri delle commissioni Consigliari ed è stata rimandata a settembre, nonostante le critiche delle opposizioni che erano pronte, invece, a votare i loro rappresentanti.

Vedi anche

Chiusura uffici postali: ricordate che alle loro promesse non hanno seguito fatti

I cittadini della Provincia di Cuneo sicuramente ricordano lo scellerato piano di razionalizzazione 2015/2019 stipulato …