ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true);
Home / Ambiente / Cambiamenti climatici: una catastrofe annunciata!

Cambiamenti climatici: una catastrofe annunciata!

Foto: formiche.net

Non sono un tecnico e non sono uno scienziato. Ma non occorre essere particolarmente ferrati in materia per accorgersi di come sia cambiato il clima nel nostro paese.

Ricordo gli anni ottanta e gli anni novanta in cui difficilmente alle sette del mattino, a metà novembre, si registravano 10 gradi e sicuramente non a Cuneo!

Iniziai ad accorgermi del cambiamento (di lieve entità) a metà degli anni novanta, in cui un temporale si presentò particolarmente violento con un susseguirsi di fulmini e pioggia battente. In pochi minuti la strada si trasformò in un fiume ma la furia fu clemente: nessun albero sradicato, nessuna casa scoperchiata e nessuna vittima.

Erano i primi segnali di quella che sarebbe diventata una catastrofe annunciata, appunto. Inutile rilevare che furono puntualmente ignorati, in modo particolare da quegli pseudo politici di allora senza alcuna idea del futuro e nessuna consapevolezza del presente.

Col passare del tempo, fenomeni isolati diventarono sempre più frequenti ed iniziarono anche i danni e purtroppo le prime vittime. Bombe d’acqua che producevano in poche ore la stessa quantità di pioggia che normalmente cadeva in diversi giorni, venti a cento km/h, saette che illuminavano il cielo a pochi secondi l’una dall’altra e fiumi che inondavano case, terreni, uccidendo animali e persone. Il nostro clima temperato, assomigliava sempre più a quello tropicale tipico di paesi lontani migliaia di chilometri.

Ed eccoci ai giorni nostri, in cui ogni anno dobbiamo aspettarci qualche disastro da qualche parte: Liguria, Sardegna, Sicilia e Dio solo sa dove avverranno le prossime tragedie.

Di chi è la responsabilità? Indubbiamente di tutti. Ognuno di noi ha contribuito volontariamente o involontariamente alla situazione attuale.

Ma la responsabilità maggiore è da attribuirsi a coloro che avrebbero dovuto provvedere seriamente a tenere la situazione sotto controllo: I politici.

Le avvisaglie e le informazioni da parte degli scienziati sono conosciute da anni. Ma la politica ha fatto la mossa, come si suol dire; una “finta” che la natura non ha alcuna intenzione di perdonare.

Le emissioni di gas serra, il surriscaldamento della terra, lo scioglimento dei ghiacciai dipendono dalle emissioni delle fabbriche, delle nostre auto, del riscaldamento delle case, di come abbiamo e stiamo avvelenando il pianeta con ogni sorta di schifezza che produciamo e disperdiamo nell’ambiente.

L’uomo crede di essere il padrone della terra e di poter gestire la natura. Non ha compreso che è semplicemente parte di essa.

A questo punto, chi deve intervenire a tentare almeno di rallentare il processo in atto e ridurre al minimo i danni, deve farlo con la massima sollecitudine. Le tecnologie per limitare le emissioni nell’atmosfera, esistono da anni!

I politici la smettano di sottovalutare il problema e inizino una collaborazione a livello mondiale seria e coscienziosa, oppure anche i loro figli ne pagheranno le conseguenze!

Per il MoVimento 5 Stelle di Cuneo:

 

Vedi anche

Kennedy e la “nuova frontiera”

Oggi ricorre il cinquantacinquesimo anniversario della morte del Presidente John Fitzgerald Kennedy. In molti si …

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione esclusivamente necessari al suo funzionamento.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.