ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true);
Home / M5S Europa / Berlusconi ha creato il caos immigrazione: no alla riforma del regolamento di Dublino votata da Forza Italia e Pd

Berlusconi ha creato il caos immigrazione: no alla riforma del regolamento di Dublino votata da Forza Italia e Pd

di Ignazio Corrao, Efdd – MoVimento 5 Stelle Europa.

Alessandra Mussolini ha citato me e Laura Ferrara nella trasmissione L’aria che tira La7, sostenendo che avremmo sostenuto posizioni sconvenienti per l’Italia sul tema del regolamento di Dublino.

Visto che non essendo in studio non potevo rispondere, utilizzo questo spazio per spiegare alla collega Mussolini e chi l’ha ascoltata come stanno le cose…

1) il suo centrodestra (tra cui anche la Lega) ha accettato, sostenuto e firmato il regolamento di Dublino quando era al governo. Perché per loro era conveniente gestire le domande d’asilo in Italia (ossia creare il business dell’immigrazione).
2) Berlusconi e i suoi alleati della Lega hanno fatto sanatorie (quasi 1 milione di irregolari in 10 anni) perché le loro politiche sbagliate hanno moltiplicato i clandestini. (ecco i dati)
3) Berlusconi ha concesso le basi aeree italiane per bombardare la Libia, destabilizzando un Paese che adesso è alla mercé di bande di scafisti che sfruttano la disperazione di persone in cerca di fortuna in Europa.
4) Il centrodestra (ministro dell’interno Maroni) ha creato Il CARA di Mineo ed il business dell’accoglienza su cui ha speculato abbondantemente anche il centrosinistra.
5) Il centrodestra non è riuscito a sottoscrivere gli accordi di rimpatrio necessari per rispedire a casa gli irregolari.
6) Berlusconi ha tagliato i fondi alla cooperazione per i Paesi poveri. Senza sviluppo ci saranno sempre persone che cercheranno un futuro migliore all’estero.

La Mussolini attacca noi che siamo sempre stati all’opposizione ma non spiega perché Pd e Forza Italia al Parlamento europeo sono alleati e hanno sempre sostenuto insieme tutte le regole che hanno fatto si che l’Italia fosse il campo profughi d’Europa. Compresa la riforma dannosissima del regolamento di Dublino.

Il MoVimento 5 Stelle ha votato no alla riforma di Dublino perché è punitiva nei confronti dell’Italia: anziché distribuire le responsabilità tra tutti i Paesi europei, si rafforza il principio sbagliato che sia lo Stato membro di primo ingresso a dover fare tutto. È l’ennesima presa in giro europea perché il meccanismo di ricollocamento non è affatto automatico: scatterà dopo le procedure dei filtri sulla sicurezza e sulla domanda. La conseguenza è che un richiedente asilo puö essere trasferito in un altro Paese dopo molti mesi dal suo arrivo e nel frattempo sarà sempre l’Italia a farsene carico.

Per capirci, secondo le nuove norme sarà sempre e solo l’Italia a farsi carico dei migranti economici! Così l’Italia si conferma come campo profughi d’Europa. Nel 2016 in Italia si è registrato il record di sbarchi nella sua storia: 181.436 arrivi.

L’obiettivo del MoVimento 5 Stelle è quello di arrivare a SBARCHI ZERO entro i prossimi 5 anni. L’immigrazione è il più grande fallimento dei partiti: hanno firmato accordi suicidi e hanno foraggiato il business della criminalità organizzata, come dimostra l’inchiesta Mafia Capitale. Ecco le nostre proposte contenute nel Programma nazionale votato da 80 mila cittadini:

vie legali di accesso.
ricollocamento automatico e obbligatorio dei richiedenti asilo.
potenziamento delle Commissioni territoriali.
un serio lavoro per rimuovere le cause profonde delle migrazioni dai Paesi di origine dei migranti”.
Source: M5S Europa

Vedi anche

AGEA: REDDITO DI CITTADINANZA SI FARÀ, IMPORTANTE IL DIBATTITO AL PARLAMENTO EUROPEO

comunicato stampa “Con il governo del cambiamento in Italia ci sarà il reddito di cittadinanza …

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione esclusivamente necessari al suo funzionamento.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.